Stellapiloti: Francesco Castellari

Intervista a Francesco, stellapilota itinerante sempre in giro a velocità smodata!

Ciao Francesco! Dicci un po’ chi sei e cosa fai nella vita.

intervista francesco castellari (3)

Francesco Castellari, 44 anni a giugno, nato a Città di Castello ma da 8 anni residente a Montone (PG). Divido la mia vita tra famiglia, lavoro, e… giochi.

Convivo da tre anni con il mio amore Betta e da pochi giorni sono diventato babbo (non “Padre”) di una dolce bambina di nome Luce (non LuKe).

Per lavoro passo sotto i cieli di tutta Italia.
Facendo il rappresentante giro dalla Puglia al Trentino, dal Piemonte al Friuli. Viaggio con un camper bianco tipo quello di “Balle Spaziali” e dopo cena, quando le fabbriche e i negozi chiudono, raggiungo l’associazione ludica più vicina per incontrarmi/scontrarmi con nuovi Stellapiloti.

Qualche settimana fa ho viaggiato per quasi 2000 km per lavoro e, alla sera, ho partecipato a due tornei e ho visitato tre bei negozi con prodotti X-Wing (Padova, Legnano, Cernusco S/N). Quando posso mi ritaglio un po’ di tempo per Wargames e giochi da tavolo.

In che club/associazioni giochi di solito? Dove e quando vi riunite?

Ormai da 20 anni, insieme ad un gruppo di amici dei tempi dell’universita’, ci riuniamo di venerdì (con cadenza bisettimanale)a giocare di ruolo, con giochi da tavolo, o wargames. Di recente sono tornato a frequentare alcune associazioni storiche di Città di Castello: “Clan del Carro” e “Peter Pan”.

Per ora siamo solo in 2 a frequentare gli eventi torneistici di X-Wing: oltre a me l’altro è quel “malato in scimmia” di Patrick Partesotti. Il negozio che organizza i tornei X-Wings qui in Umbria è lo stupendo Brama.

Come ti sei avvicinato a X Wing MG?

intervista francesco castellari (5)

In uno dei tanti viaggi fatti mi sono trovato a entrare nel negozio di Verona “Giochi dei Grandi”. Dato che a casa avevo già la maggior parte dei giochi di strategia e non avevo voglia di giocare a Magic, mi sono messo a guardare e … hoplà, ho ritrovato il mio più grande amore cinematografico sotto forma di modellini prepitturati.  Anche io, come molti miei coetanei ho avuto la giovinezza marchiata a fuoco dai film di Lucas.

Quale è l’aspetto o la meccanica che ti ha colpito maggiormente del sistema di gioco?

  1. Funziona meglio dei Wargames storici tra aerei: è più completo dei wargames a causa dell’introduzione delle carte Pilota e miglioria (ha quindi in più la componente di building).
  2. E’ più semplice ed intuitivo in quanto si svolge in un ipotetico ambiente che non tiene conto dell’altitudine e della gravità (lo Spazio). Quindi le partite sono snelle e veloci.
  3. Il regolamento è velocissimo e intuitivo (i casi più estremi sono facilmente risolubili tramite la lettura delle FAQ)
  4. Rispetto ai wargames di miniature collezionabili ha il vantaggio di avere stupendi modelli già pitturati che possono comunque essere personalizzati. (adesso come adesso se si va a vedere un torneo di warhammer, si vedono troppi modelli grigi e ancora più tristemente dei modelli proxati).
  5. X-Wings inoltre richiede più abilità nel manovrare i “pezzi” rispetto a qualsiasi altro wargames di miniature a cui abbia giocato.
  6. È un gioco che usa le carte ma queste non sono collezionabili (quando compri una confezione sai cosa compri)
  7. È relativamente economico: un buon stellapilota può vincere un torneo con 2 astrocaccia del valore di 15€ l’uno più 40€ di scatola base che contiene altri 3 astrocaccia.

intervista francesco castellari (2)

 Imperiale o Ribelle? Perché?

Ribelle, chiaro!
Gli eroi della Saga erano imperiali? Non mi pare…
Come dico sempre alla mia controparte imperiale (Lo Sterminatore di Cibo Patrick Grande Stomaco):
“Solo un bimbo nato negli anni 80-90 può non amare Han Solo e C1-P8!”

Quale è la tua nave preferita tra quelle uscite finora sul mercato italiano?

A livello di gioco:
1°)Ala-B (Farlander)
2°)YT-2400 (Rendar)

Per quanto riguarda l’iconografia cinematografica:
1°)YT-1300 Millenium Falcon (Solo)
2°)Ala-X

Descrivi la tua “squadriglia tipo”, la tua preferita. Che cosa ti spinge a giocarla? Su cosa punti? Quali sono i suoi punti deboli?

Han Solo + Lupo Solitario + C3PO + Gunner + Millennium Falcon ( YT-1300 )

Keyan Farlander + Sensori avanzati + Istinti da Veterano + B-Wing/E2 + Chewbacca + Autoblaster (Ala B )

Quando sono usciti gli Assi Ribelli mi sono innamorato dell’imprevedibilità potenziale di un Farlander con Sensori Avanzati.

Con questa lista ho perso veramente di rado (e di solito a causa di gravi errori miei fatti contro stellapiloti che non mi hanno graziato).

Questi 2 piloti hanno tante possibili soluzioni di movimento. E minimizzano, se ben settati, la possibilità di fallimento in attacco: è comunque una formazione spregiudicatamente offensiva.

Punto debole? sono solo due navi con 1 dado schivata ciascuno…

Sto modificando la lista per giocarla in modo completamente diverso ma mantenendo i punti di forza (alta abilità di pilotaggio e fuoco a 360): Rendar al posto di Solo.

Quale è la tua combo preferita? E la tua carta?

La carta è Istinti da Veterano, la combo è Keyan Farlander + Sensori Avanzati + Autoblaster: con azione di Agganciamento Bersaglio o Tonneau a botte prima di una manovra rossa (Virata a velocità 1 o Inversione Kojogran a velocità 2)

Cosa ne pensi delle prossime novità in uscita? Cosa attendi con più impazienza?

Di poter giocare Papi Fener (finalmente giocherei imperiale) con l’uscita delle nuove carte miglioria per Tie-advanced.

intervista francesco castellari (4)

Che tipo di impatto pensi avranno le prossime uscite sul gioco?

Si potrebbero avvicinare tutti quei giocatori che fin’ora si sono lamentati che ci fossero solo 2 fazioni da poter scegliere!

Hai dei consigli per gli altri piloti?

Divertitevi contro il maggior numero possibile di altri giocatori, perdendo si migliora 😉
hai altre domande che potremmo porre a te e ad altri piloti da suggerire?scrivile qua sotto!:
Un saluto a tutti quelli che almeno una volta mi hanno abbattuto: Patrick, AmòeAmò, Stefano, Manuel, Buono, Tozzi, etc…etc..etc…
Un saluto anche a Davide… che c’è quasi riuscito! ahahah